Fai il Servizio Civile con noi!

Ti piace creare contenuti multimediali? Ti piace il social media management? Allora cosa aspetti? Stiamo cercando proprio te!

Finalmente ritorna il Servizio Civile con Fondazione Edulife!
Anche quest’anno abbiamo un posto disponibile presso la nostra sede situata in Lungadige Galtarossa. Partecipa al nuovo bando creato da CSV – Verona, e fai domanda per svolgere il tuo Servizio Civile con noi!

Cos'è il Servizio Civile Universale? Qualche info essenziale per te!
  • durata 12 mesi
  • in Fondazione Edulife abbiamo 1 posto per un giovane con un’età compresa tra i 18 e i 28 anni ;
  • Indennità mensile di 444,30 € netti;
  • 25 ore settimanali suddivise in 5 giorni;
  • Permessi straordinari per  esami universitari;
  • 20 giorni di permesso extra;
  • + di 100 ore di formazione assieme ad altri giovani aderenti al SCU;

Per ulteriori informazioni o per visionare la sintesi del progetto collegati al sito www.csv.verona.it

Tempi e modalità di presentazione della domanda

Gli aspiranti Volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domande on Line (DOL).

Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 26 gennaio 2022

Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione domanda sulla piattaforma DOL occorre essere riconosciuto dal sistema, che può avvenire in due modalità:

  1. I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero e i cittadini di Paesi extra Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Se non hai SPID clicca qui
  2. I cittadini appartenenti ad un Paese dell’Unione Europea diverso dall’Italia o a Svizzera, Islanda, Norvegia e Liechtenstein e i cittadini di Paesi extra Unione Europea possono accedere ai servizi della piattaforma DOL Richiedendo le apposite credenziali al Dipartimento, sulla home page della piattaforma stessa.

ATTENZIONE: Per ogni bando è possibile presentare UNA SOLA DOMANDA, pena l’esclusione dal bando.

 

Per gli aspiranti volontari si terrà un incontro informativo online il giorno 18/01/2022 alle 17.00. Per partecipare all’incontro informativo è necessario collegarsi a questo link sulla piattaforma Zoom.

Per richiedere info all'ente ospitante
  • Tel: 045 9696375
  • Mail: info@fondazioneedulife.org
Per richiedere info su Servizio civile Universale
  • Tel: 045/8011978 interno 6
  • Mail: serviziocivile@csv.verona.it

ENSURE

Activation year 2020

Partner:
FVB s.r.l.(IT), Cooperation Bancaire pour l’Europe (FR), ARGE Gmbh (AT), Cz&K Consulting (HU), Fondazione Edulife Onlus (IT), PPC (FR)
Donor:
This project has been funded with support from the European Commission
Stakeholder:
Young entrepreneurs (age between 18 and 35), Entrepreneurial Trainers, Startup Coaches and Investors (as secondary target)
CONTEXT/BACKGROUND OF PROJECT

The EU is currently strongly promoting a transition toward a more “circular” flow in the economic system. That transition needs to be systemic and it must affect each part of the production/recycling chain.

Ensure embraces this approach by tackling the issue of polluting waste production with a specific focus on the field of plastics industry. Indeed, the EU underlines the beneficial impact of improving the reprocessing of plastics in its strategy on plastics waste and in its general strategy for the promotion of Circular Economy.  

The project aims at bridging the gap of skills related to the creation of new businesses or the reconversion of old ones, in the field of circular economy with focus on the plastics production sector. We will identify the most interesting strands in this economic field, elaborating different entrepreneurial paths that will be available to business coaches, trainers and future entrepreneurs.

GENERAL OBJECTIVE

Encouraging the creation of new startups with a business model based on circular economy, particularly in the plastics industry sector.

SPECIFIC OBJECTIVES
  • “Train the trainers”: production of a collection of best practices and educational materials to teach business coaches how to lead potential startups into the Circular Economy field.
  • Improving the awareness of present entrepreneurs and investors on the possibilities offered by CE
  • Supporting the creation of locally based CE startups, with focus on plastic reuse and valorization, possibly aligning to local S3 (Smart Specialization Strategies)
METHODOLOGY
  • 4 transnational project meetings among partners in order to align efforts and outputs and to share best practices and know-how
  • co-creation of a toolkit with learning materials addressed to entrepreneurs and trainers on Business idea and feasibility assessment, plastics and circular economy, models to grow as a business and as an entrepreneur.
  • production of an interactive toolset for entrepreneurial training consisting on a self-evaluating tool on circular economy, an interactive library on plastics and CE and a learning platform with excercises and simulations.
  • 2 training events among the partners in order to test training materials focusing on usability and knowledge transmission efficiency
  • 5 Multiplier events (1 in each country involved in the project) addressed to local entrepreneurs, trainers, business coaches and potential investors for the dissemination of the circular economy toolset and testing of all learning instruments
PROGRAMME: Entrepreneurs for plastics' circular economy
PROJECT NUMBER: 2020-1-FR01-KA202-080583
VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?

LIFE EDUCATION

Activation year 2020

Partner:
Društvo DISORA Slovenia Maribor, MPIRMPAKOS D. & SIA O.E. Greece Karditsa, OLEMISEN BALANSSIA RY Finland Raisio, EDUFONS Serbia Novi Bečej, Akademie für politische Bildung Austria Linz
Donor:
This project has been funded with support from the European Commission
Stakeholder:
Vulnerable groups of population with lower economic, social and health outcomes in: Italy, Finland, Serbia, Slovenia, Greece, Austria
CONTEXT/BACKGROUND OF PROJECT

Topics of sustainable life skills are not represented enough in the adult education sector, especially given their importance for individuals, the environment and the economy. Sustainable life skills can be especially beneficial to vulnerable groups of population with lower economic, social and health outcomes. At the same time vulnerable groups need a specific learning approach, adapted to their learning specific, values and daily needs.

The project will promote education about sustainable life skills in the adult education field and strengthen the capacity and ability of adult educators to address these topics with vulnerable groups of learners. We will examine and collect best practice examples from partner countries and the EU, create a handbook for educators, conduct training for groups of mentors and finally implement pilot testing of the workbook and mentors with various vulnerable target groups.

GOALS
  • exchange of best practices on the topic of education of vulnerable groups for sustainable life skills
  • strengthening the capacity of adult educators and the sector for education of vulnerable target groups on the topic of sustainable life skills
  • exchange of learning materials and methods among adult educators
  • strengthening of partner networks
  • strengthening the capacity for transnational cooperation and activities
  • mutual learning and finding new solutions to address the topic
METHODOLOGY
  • 6 project meetings with presentation of best practice examples,
  • analysis of the situation in the area of sustainable life skills education
  • preparation of the handbook with good practice examples and recommendations for educators on how to teach vulnerable groups about sustainable life skills
  • testing of the handbook and mentors with various vulnerable groups
  • 1 short-term training event for mentors (educational methods, strategies for vulnerable target groups)
  • Expected results and effects:
  • usage of the handbook inside and outside partner organizations for education about sustainable life skills
  • ability to upgrade or adapt the handbook with new content
  • adult educators with increased ability to educate vulnerable target groups about sustainable life skills
PROGRAMME: Sustainable life skills for vulnerable target groups
PROJECT NUMBER: 2020-1-SI01-KA204-075997

1. Progettazione partecipata con gli stakeholder + individuazione delle scuole partner.

2. Creazione nelle scuole aderenti della comunità di docenti e studenti.

3. Realizzazione dei Fabschool + Creazione di project work con le aziende partner.

VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?

Fabschool

Anno di attivazione 2020

Partner:
Fondazione Edulife, Verona Fablab, ITS Academy Last, Polo 9, Cooperativa Samarcanda, Associazione Fablab Dolomiti, Consorzio CATA Belluno, Mantova Fablab, Megahub Schio e Associazione Rinoteca Ancona.
Donatore:
Fondazione Cariverona
Stakeholder:
Scuole e aziende dei territori di Verona, Mantova, Belluno, Vicenza e Ancona
DATI DI CONTESTO

Abbiamo la necessità di formare competenze in ambito STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics).
L’ultimo rapporto OCSE “Education at Glance 2017/Uno sguardo sull’educazione” parla chiaro: solo il 18% degli italiani è laureato e in discipline poco legate ai bisogni attuali e futuri dell’economia.

Le nuove 150 ore minime di alternanza scuola-lavoro nel triennio finale degli istituti tecnici rappresentano, per i ragazzi, poco più di una settimana in impresa l’anno; in pratica, stiamo parlando di una visita aziendale; abbiamo quindi la necessità di iniziare a misurare l’apprendimento in contesti non formali ed informali. Costruire strumenti di misurazione facilmente applicabili e comprensibili è la sfida aperta del nostro Paese.

OBIETTIVI

– Creare spazi di apprendimento “non formale” immersi nella scuola, connotati come punto di riferimento per studenti, docenti ed esterni (genitori, imprenditori, professionisti). Nei quali perseguire l’apprendimento e il rafforzamento delle STEM attraverso le tecnologie esponenziali ma anche delle competenze trasversali.
– Riconnettere scuola ed aziende del territorio, rigenerare fiducia attraverso la co-progettazione di esperienze formative centrate sui bisogni del mercato del lavoro territoriale: trasformazione digitale, intelligenza artificiale, fabbricazione digitale..etc.
– Centrare la valutazione dell’apprendimento degli studenti sulla capacità di applicare la conoscenza in contesti di realtà, ad esempio con lo svolgimento di piccole commesse di lavoro di aziende del territorio.
– Aumentare la conoscenza del mondo del lavoro da parte dei ragazzi, aiutandoli a definire il proprio progetto di vita all’interno di un contesto economico e professionale in rapida evoluzione.
– Favorire un confronto e lo scambio culturale su scala nazionale e internazionale sui temi delle tecnologie esponenziali e il ruolo che l’uomo avrà nel prossimo futuro.
– Velocizzare la transizione da didattica trasmissiva a didattica per competenze.
– Favorire il coinvolgimento dei docenti per la definizione di nuovi strumenti di didattica da applicare in aula.

RISULTATI

– Aprire e sviluppare uno spazio di apprendimento non formale immerso in un contesto formale.
– Definire un progetto di sistema che coinvolge 3 regioni italiane: Veneto, Lombardia e Marche, 5 province italiane e mischia in un partenariato operativo soggetti no profit, istituzioni scolastiche ed aziende.
– Creazione di una visione internazionale.
– Definizione ed applicazione di un impianto di Ricerca e Azione in itinere.

PROCESSO D'INTERVENTO

1. Progettazione partecipata con gli stakeholder + individuazione delle scuole partner.

2. Creazione nelle scuole aderenti della comunità di docenti e studenti.

3. Realizzazione dei Fabschool + Creazione di project work con le aziende partner.

VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?

TAG

Tag

Anno di attivazione 2019

Partner:
Comune di Sona, Comune di Sommacampagna, Cooperativa sociale iPiosi, Cop. sociale Hermete, ULSS 9
Donatore:
Fondazione Cariverona, Conferenza dei Sindaci Ovest V.se
Stakeholder:
37 comuni dell'ovest V.se, ULSS n. 9
DATI DI CONTESTO

I giovani italiani incontrano maggiori difficoltà nella transizione alla vita adulta. L’Italia soffre di livelli di occupazione giovanile tra i più bassi. C’è una dipendenza maggiore dalla famiglia di origine: il 60 % dei giovani italiani con meno di 25 anni dipende dalla famiglia di origine mentre è la minoranza negli altri paesi europei. L’87,3 per cento dei giovani (1995-2010) pensa che sia molto difficile muoversi verso l’alto nella scala sociale e il 69,3 per cento che al contrario sia molto facile scendere verso il basso.

Nessuna possibilità di salire e molte probabilità di scendere, è l’angoscia della società italiana, che i millennials, e ancor più i diciottenni, portano nella loro giovane biografia. Nel 2017 il Veneto è stata la terza regione in Italia per flusso di emigrazione in età giovanile [9500 unità] il 9,3% del totale italiano. I giovani in fuga non accennano ad invertire la rotta neppure con il flebile miglioramento dell’economia nazionale.

OBIETTIVI

La Fondazione in azione coordinata con partners e stakeholder mira alla costituzione di un sistema di politiche giovanili distrettuale che coinvolga i giovani dei 37 comuni coinvolti.
Gli strumenti progettuali di TAG consentiranno ai giovani di:
– Riprendere fiducia nelle proprie idee e incontrare contesti di facilitazione che consentano la realizzazione delle stesse.
– Incontrare percorsi orientativi non formali che consentano la maturazione di consapevolezza rispetto alle proprie attitudini e competenze.
– Ritrovare la fiducia verso la propria comunità di appartenenza e sperimentare spazi di protagonismo e attivazione spontanea.
– Vivere esperienze di cittadinanza centrate sulla sperimentazione delle proprie competenze e la maturazione delle soft skills necessarie per affrontare la transizione alla vita adulta.
– Ricostruire un’alleanza vera con gli adulti e le istituzioni esercitando un ruolo attivo nella costruzione di valore sociale all’interno della comunità.

RISULTATI

Attraverso il progetto TAG, sono state create tre linee d’azione: Bando alle Ciance, Groove e Simulcoop. I risultati attesi dopo i due anni di sviluppo progettuale sono i seguenti:
– Attivazione di almeno 14 percorsi di simulazione d’impresa sociale.
– Coinvolgimento di almeno 500 giovani in percorsi di realizzazione di idee giovanili ad elevato impatto sul territorio.
– Coinvolgimento e attivazione di 200 giovani in percorsi di cittadinanza attiva.
– Realizzazione di un ricerca scientifica di valutazione degli impatti generati dal progetto.
– Costruzione di una strategia di sostenibilità con il coinvolgimento di istituzioni pubbliche ed enti privati .

PROCESSO D'INTERVENTO

1. Progettazione partecipata con gli stakeholder.

2. Attivazione dei progetti: Bando alle Ciance, Groove, Simulcoop.

3. Monitoraggio e facilitazione delle linee progettuali e dei dispositivi messi in opera.

+ di500

N° giovani coinvolti nelle azioni progettuali nel 2019

53

Iniziative finanziate nel 2019

+ di50

Numero stakeholders progettuali

VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?

Its Academy LAST

Anno di attivazione 2017

Partner:
Fondazione Edulife, Istituto Tecnico Superiore, LAST, 311 Verona
Donatore:
Regione Veneto, MIUR
Stakeholder:
Imprese territoriali
DATI DI CONTESTO

Il 31% delle aziende riscontra «difficoltà di reperimento» per 1,2 milioni di contratti programmati nei primi tre mesi del 2019, con un fabbisogno insoddisfatto di figure tecniche, scientifiche e ingegneristiche. Un dato che fa effetto, se si considera che il tasso di disoccupazione giovanile resta – saldamente – superiore al 30% .

Gli ITS, istituti tecnici superiori, sono percorsi post diploma che in Italia rilasciano il 5° livello dell’European Qualification Framework e hanno un indice di placement pari all’95%.
Fondazione Edulife è partner della Fondazione LAST nei corsi di formazione “User Experience Specialist” ed “Internazionalizzazione e Logistica”.

OBIETTIVI

Un’alternativa alla formazione universitaria, con l’obiettivo di formare figure professionali con un’alta specializzazione tecnologica, in grado di consentire loro un inserimento qualificato nel mondo del lavoro.
La caratteristica peculiare degli ITS, sta nella presenza di un alto contenuto tecnologico e innovativo, che permette agli studenti di ricevere una formazione aggiornata alle esigenze del mercato del lavoro; un percorso che aiuta i ragazzi a sviluppare competenze tecniche e soprattutto trasversali.

RISULTATI

Nel 2017 è iniziata la prima edizione del corso, abbiamo accolto
all’interno del nostro learning accelerator 311, 22 giovani pronti
a mettersi in gioco in una nuova esperienza formativa.
In questi 3 anni i nostri ragazzi hanno sviluppato più di dieci progetti di realtà ad alto contenuto tecnologico basati sui bisogni delle aziende del territorio.
Le sfide affrontate sono state molte, dalla realizzazione di progetti di gamification, alla produzione di sistemi sensoristici per la riduzione dello spreco d’acqua, fino ad arrivare alla realizzazione di un software IOT per la gestione della catena del freddo dei prodotti celiaci.

PROCESSO D'INTERVENTO

1. Laboratori di apprendimento con metodologia "problem based".

2. Lavoro in team multidisciplinari per lo sviluppo di progetti di ricerca (project work).

3. Percorso di stage in aziende partner coerenti con il profilo attitudinale dello studente.

75

Studenti

4

Biennali attivate

17

Alunni diplomati con 90% placement

VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?

311 Young Talent

Anno di Attivazione 2019

Partner:
Istituto Comprensivo 6 Chievo - Bassona - Borgo Nuovo
Donatore:
Fondazione Edulife
Stakeholder:
Studenti delle scuole medie - Istituti comprensivi
DATI DI CONTESTO

Abbiamo la necessità di potenziare l’offerta didattica delle scuole, proponendo nuovi laboratori di accelerazione delle competenze, per i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado.

Attualmente il mondo scolastico sta vivendo un momento di incertezza: metodi di insegnamento troppo frontali, poco tempo dedicato allo sviluppo di competenze trasversali e degli studenti sempre più disorientati rispetto alle scelte di studio futuro.
La scuola ha bisogno di cambiare la sua comunicazione con l’esterno, attivando una fitta rete di collaborazioni con aziende.

OBIETTIVI

311 Young Talent è un progetto che supporta la scuola secondaria di primo grado e i suoi alunni.
Questo percorso formativo permette agli studenti non solo di apprendere nuove competenze tecniche e trasversali, ma anche di venire a contatto con professionisti, vedendo le tecnologie in azione anche sotto una luce diversa; questo è fondamentale al fine di responsabilizzare i giovani sull’utilizzo dei dispositivi informatici.
Attraverso questo progetto diamo vita ad un modello sostenibile, dove i professionisti e le aziende che vi entrano in contatto, decidono di dedicare alcune delle proprie ore per introdurre ai partecipanti il proprio lavoro e i propri ruoli.

RISULTATI

Siamo alla seconda edizione del progetto 311 Young Talent, un percorso di 10 lezioni, dove i veri protagonisti sono gli studenti delle scuole secondarie di primo grado.
I ragazzi hanno la possibilità di apprendere e sperimentarsi in nuovi ambiti, il tutto all’interno di un contesto professionale.

PROCESSO D'INTERVENTO

1. Co - progettazione con le scuole.

2. Lezioni pratiche con gli studenti.

3. Assegnazione di un progetto di realtà.

24

Ragazzi coinvolti

2

Edizioni

2

Progetti di realtà

VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?

Futuro lavoro

Anno di attivazione 2017

Partner:
Fondazione Edulife, COSP Verona
Donatore:
Fondazione Cariverona
Stakeholder:
Aziende del territorio: Ici Caldaie, Edulife spa, Mirware, Fondazione Verona Minor Hierusalem
DATI DI CONTESTO

L’Italia è ultima in Europa per il sistema di transizione tra scuola e mercato del lavoro. La formazione di competenze adeguate a un mercato del lavoro in evoluzione è il tema centrale delle politiche sociali legate alla dimensione occupazionale.

Secondo l’Ocse, in questo ambito l’Italia conta oggi un 20% di lavoratori sotto-qualificati rispetto alla mansione svolta e quindi a maggior rischio di essere sostituiti in tempi più brevi. Di contro, emerge anche un tema di sovra-qualificazione con il 31,6% degli occupati che risulta sovra-istruito.

OBIETTIVI

Questo progetto aiuta i ragazzi rinforzare le competenze apprese e a colmare il divario che si pone tra formazione e mondo del lavoro, aiutando i partecipanti ad acquisire nuove conoscenze strategiche da spendere all’interno del contesto professionale.
Aiutare giovani in uscita dal mondo della formazione (specialmente con lauree definite “deboli”) a maturare il gap di competenze utile all’ingresso nel mondo del lavoro.
– Aiutare aziende ed istituzioni del territorio a co progettare esperienze di innovazione attraverso utilizzo di tecnologie.
– Costruire percorsi di empowerment di giovani per renderli portatori di innovazione nella valorizzazione dei contesti aziendali ed istituzionali attraverso competenze di tipo comunicativo, organizzativo e tecnologico.
– Generare percorsi formativi immersivi nei quali i giovani maturino consapevolezza rispetto ai propri talenti, passioni ed attitudini.

RISULTATI

Abbiamo dato vita ad un format di apprendimento ibrido (formale e non formale), che vede la fusione di laboratori pratici, approfondimento e confronto con facilitatori e professionisti del settore. I giovani hanno la possibilità di formarsi attraverso un processo di apprendimento learn by doing. Al termine del percorso formativo, gli output prodotti vengono presentati alle aziende per favorire i partecipanti e generare maggiore opportunità di placement; Spesso i partecipanti hanno la possibilità di essere assunti dall’azienda partner e proseguire all’implementazione del prodotto.

PROCESSO D'INTERVENTO

1. Workshop immersivi di alfabetizzazione metodologica attraverso le tecnologie.

2. Cicli di full immersion dedicati all'approfondimento dei saperi in collaborazione con maestri e facilitatori.

3. Eventi di restituzione ai partner e alla community degli output prodotti e delle conoscenze approfondite.

4

Edizioni

+ di160

Numero giovani che hanno richiesto di partecipare

90

Indice di Placement

VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?

Plan Your Future

Anno di attivazione 2014

Partner:
Associazione Prospera, COSP Verona
Donatore:
Associazione Prospera, Fondazione Cariverona
Stakeholder:
Reti di orientamento del territorio: Verona, Vicenza, Belluno, Lecco, Brindisi, Roma, Milano, Lodi
DATI DI CONTESTO

Oltre 800mila studenti, in Italia, su circa sette milioni, negli ultimi tre anni, hanno abbandonato prematuramente scuola e formazione. Secondo i dati del Ministero dell’Istruzione a luglio 2019, almeno 100mila tra loro, dai 13 e i 17 anni risultano «dispersi» nel percorso tra il primo e secondo grado di scuola dell’obbligo. Il dato è già di per sé allarmante. Ma ad esso bisogna sommare l’abbandono scolastico e formativo di 598mila giovani dai 18 ai 24 anni nel 2018.

In Italia la quota dei Neet è nettamente superiore alla media dell’Ue [26%], questo rappresenta un danno economico importantissimo alla nostra economia nazionale. Un buon sistema di orientamento può garantire un’inversione netta dei dati di contesto. Plan your future è un progetto di supporto all’orientamento scolastico che ha l’obiettivo di orientare i ragazzi delle scuole secondarie e post diploma nella scelta del miglior percorso di studi e professionale.

OBIETTIVI

www.planyourfuture.eu è un portale “free access” con registrazione gratuita che racchiude numerosi contenuti prodotti e validati scientificamente da una equipe composta da esperti di orientamento. Gli obiettivi della piattaforma sono:
a) semplificare il processo di ricerca di informazioni utili alla scelta, attraverso percorsi che raccolgano e sintetizzino, tra quanto di meglio già esiste, i contenuti più importanti legati a un tema orientativo.
b) creare uno spazio di comunicazione e scambio tra il mondo della scuola e lavoro, attraverso il rapporto diretto con professionisti che in diversi settori operano nel mondo del lavoro.
c) offrire a docenti e consulenti di orientamento uno strumento che faciliti le attività di orientamento a scuola e potenzi la loro efficacia educativo-formativa.

RISULTATI

Accessi unici al portale nel 2019:
– 17.889 sessioni di cui 11.990 studenti
– 3.682 genitori
– 1.806 docenti
Attività di formazione e sensibilizzazione: gli educatori della Fondazione assieme ai partner territoriali hanno svolto durante tutto l’anno sensibilizzazione e training all’orientamento per i docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.
Si sono rivolti ai ragazzi in attività di orientamento nelle classi, spiegando l’uso della piattaforma e collaborando a esperienze innovative, quali i master di orientamento.
Numero incontri: 64
Numero ore: 154
Numero docenti coinvolti: 190

PROCESSO D'INTERVENTO

1. Training ai Docenti.

2. Attività di Orientamento in Aula Supportato dall'Uso della Piattaforma.

3. Co-Progettazione di Metodi Didattici Innovativi (didattica orientativa).

150

Videointerviste

76

Infografiche

154

Ore di Formazione Erogate

VUOI ATTIVARE DELLE INIZIATIVE EDUCATIVE?